Le domande che ci siamo posti a “Tre volte genitori. Due volte Figli”

Testo del gruppo Kairos di Firenze proposto all’incontro con i genitori cattolici con figli Lgbt “Tre volte genitori. Due volte figli” (Firenze, 25 febbraio 2017)

Si diventa genitori alla nascita di un figlio/a, il suo coming out ce lo fa riscoprire per la seconda volta. Ma solo quando diventiamo consapevoli che possiamo aiutare la chiesa a essere più accogliente, per noi e con loro, diventiamo genitori per la terza volta, dei nostri figli e anche della nostra chiesa.

Lo scopo di questo incontrarci e confrontarci, tra genitori cristiani e figli gay e lesbiche cristiani, è duplice:

1.     Raccontarsi esperienze, confrontarsi, condividere insieme il proprio vissuto nelle sue difficoltà e nelle sue scoperte.

2.     Creare una rete di genitori che vivono l’esperienza di avere figli e figlie LGBT, in un’ottica di fede, chiedendoci: “cosa dice a noi il Signore in questa realtà?”

Ecco allora il alcune domande che riguardano il nostro vissuto nei suoi aspetti psicologici, affettivi, di relazione come genitori o come figli:

DOMANDE PER I FIGLI

Tenuto conto della tua esperienza personale, qual è l’aiuto più grande che hai ricevuto dai tuoi genitori rispetto all’accettazione della tua omosessualità? Qual è l’aiuto più grande che ti hanno dato dopo il tuo coming out? Quale, invece, sarebbe stato l’aiuto più importante del quale avresti avuto bisogno dai tuoi genitori e che invece non hai ricevuto?

·      In questo la nostra vita di fede ci ha aiutato oppure è stata di ostacolo? E la Chiesa? La parola di Dio cosa ci dice?

DOMANDE PER I GENITORI

Tenuto conto della tua esperienza personale, qual è l’aiuto più grande che hai ricevuto da tuo figlio per accettare la sua omosessualità? E in generale? Cosa credi ti abbia aiutato a vivere l’orientamento sessuale di tuo figlio come una caratteristica positiva della sua personalità? Quale, invece, sarebbe stato l’aiuto più importante del quale avresti avuto bisogno e che invece non hai ricevuto?

·      In questo la nostra vita di fede ci ha aiutato oppure è stata di ostacolo? E la Chiesa? La parola di Dio cosa ci dice?

Il dialogo si svolge con spirito costruttivo in cui ogni persona gay e lesbica, alla luce della sua storia personale, può fornire uno spunto di riflessione ai genitori presenti e in cui ogni genitore, facendo riferimento alla propria esperienza, può essere d’aiuto ai figli presenti nel suo gruppo.

> > Testo del gruppo Kairos di Firenze proposto all’incontro con i genitori cattolici con figli Lgbt “Tre volte genitori. Due volte figli”  FILE PDF

Advertisements