Perchè accompagneremo a Firenze il ritiro dei Giovani Cristiani LGBT?

Eccellenza* in quest’anno giubilare dedicato alla misericordia, che cade nel quindicesimo anno di cammino del Gruppo Kairòs, uomini e donne cristiani omosessuali di Firenze, ci siamo interrogati con forza su come poter rendere concreta la sollecitazione fatta da Papa Francesco ai giovani, perché siano forti, affinché non abbiano paura di “accompagnare chi è rimasto al bordo della strada” (Discorso del Santo Padre nella Cattedrale fiorentina di Santa Maria del Fiore il 10 novembre 2015).

Con l’aiuto di numerosi amici e comunità cristiane fiorentine abbiamo deciso di rispondere a questa esortazione ospitando a Firenze un ritiro organizzato dal Progetto Giovani Cristiani LGBT, una rete formata da ragazzi e ragazze fra i 18 e i 35 anni, sorta durante il IV Forum dei Cristiani LGBT italiani (iniziativa di cui ha parlato ampiamente e positivamente anche l’Avvenire il 7 maggio 2016).

Il ritiro spirituale, intitolato “Far fruttificare i propri talenti, si svolgerà da venerdì 28 a domenica 30 ottobre 2016, e sarà rivolto a tanti giovani cristiani lgbt giunti da tutt’Italia, alcuni dei quali impegnati in realtà parrocchiali e in numerose associazioni e movimenti ecclesiali; molti di essi tuttavia vivono con profondo travaglio la loro appartenenza alla Chiesa in quanto spesso si sono sentiti allontanare, perché non ascoltati, compresi e accolti nella loro pienezza dalle loro comunità di fede.

Interrogandosi su come “Far fruttificare i loro talenti”, vivranno nella tre giorni momenti di preghiera comunitaria e di condivisione fraterna,  ed incontreranno le comunità parrocchiali e di vita consacrata, i preti e le suore che da anni accolgono e accompagnano “alla luce del sole” il cammino di fede dei cristiani LGBT del Gruppo Kairòs.

Questo incontro fiorentino, speriamo di cuore, potrà essere per loro l’occasione per fare pace con la loro fede in Gesù Cristo e la loro affettività, in modo da riscoprire “una Chiesa lieta, col volto di mamma, che comprende, accompagna, accarezza” capace di “costruire mai muri né frontiere, ma piazze e ospedali da campo” (Papa Francesco, S. Maria del Fiore, 10 novembre 2015)

Con la speranza che questa iniziativa incontri il suo personale interesse Le alleghiamo il programma di questa tre giorni.

I Coordinatori del gruppo Kairos di Firenze

.

“FAR FRUTTIFICARE I PROPRI DONI” – RITIRO A FIRENZE PER GIOVANI CRISTIANI LGBT

Lo scorso aprile i giovani cristiani LGBT si sono ritrovati al IV Forum dei Cristiani LGBT italiani per confrontarsi e conoscersi. Questa occasione ha dato vita ad un nuovo progetto che intende creare una rete dedicata ai ragazzi fra 18 e i 35 anni, alle loro esigenze, alle loro domande sull’essere cristiani ed omosessuali, bisessuali, transessuali. Così nasce Progetto Giovani Cristiani LGBT e così nasce “Far fruttificare i propri talenti”, un ritiro di 3 giorni che comincerà venerdì 28 e si concluderà domenica 30 ottobre 2016, realizzato a Firenze grazie al supporto del gruppo Kairòs.

.

PROGRAMMA

Venerdì 28 Ottobre

Pomeriggio: arrivo e registrazione dei partecipanti, attività di conoscenza reciproca
Serata: laboratorio biblico e preghiera sul tema “Far fruttificare i propri talenti” (Matteo 25,14-30)
 .

Sabato 29 Ottobre

Mattino: Momento di Preghiera a seguire laboratorio su “Come essere cristiani Lgbt in pienezza” (strategie di liberazione) a cura della psicologa Dott.ssa Arianna Petilli
Pomeriggio: laboratorio esperienziale presso una parrocchia fiorentina su “l’essere giovani cristiani Lgbt in parrocchia – Incontro con testimoni del nostro tempo”.
Santa messa animata dai giovi presenti al ritiro;
Serata: momento di preghiera e giro in notturna di Firenze a cura dei giovani del gruppo Kairos

.

Domenica 30 Ottobre

Mattino: Momento di preghiera a seguire incontro “Un progetto in cui sperare” sul futuro del Progetto dei Giovani Cristiani LGBT
ore 14 Saluti e partenze

Info Web: https://sites.google.com/site/progettogiovanicristianilgbt/

Email:  progettogiovanicristianilgbt@gmail.com

* Lettera inviata all’Arcivescovo di Firenze e, per conoscenza, ai Vescovi delle diocesi toscani in cui vi sono persone che frequentano il gruppo Kairos.