In ricordo di Sergio Simoni, icona dell’amicizia cristiana

Sergio Simoni as a young man at a Taizè meetingSergio Simoni, classe 1961, è andato in cielo il 2 marzo 2015. Il funerale è stato celebrato oggi, 4 marzo, nella sua chiesa parrocchiale di San Martino a Paperino, a Prato, in Toscana.
Dal 1999, a seguito di un incidente in montagna durante un trekking, era costretto in carrozzella, ma era, con la testa e con il cuore, in movimento come tante altre persone non sono state mai. E’ stato un pioniere e poi un membro delle reti di amicizia cristiana del Guado e del Kairos.
Già attivista radicale e civico nella sua terra, non ha mai smesso di impegnarsi per i diritti umani e civili in tutto il mondo e contro le discriminazioni nella società e nelle chiese. Per coloro che lo andavano a trovare nella sua casa di Paperino, è stato una icona di amicizia e di speranza cristiana.

Su indicazione della famiglia e degli amici, con il permesso del suo parroco, si sono raccolti alla fine del suo funerale dei fondi in suo ricordo, che vengono donati a Samaria, il fondo di solidarietà LGBT cristiana fondato sugli ideali e le speranze che lui condivideva. Altri fondi sono stati raccolti dagli amici del Circolo ARCI, la Casa del Popolo di Paperino, e anch’essi sono stati donati a Samaria. Tutte le donazioni verranno destinate, come avrebbe voluto Sergio, per i malati, i rifugiati, i discriminati.

Coloro che non hanno partecipato alle raccolte al funerale e al circolo, possono fare il loro versamente direttamente al Fondo Samaria a questo IBAN IT39J0501803200000000157581, specificando la causale DONAZIONE IN MEMORIA DI SERGIO SIMONI.