Perché veglieremo contro la violenza dell’omofobia. Le nostre voci

Sono passati otto anni da quando Kairos, il gruppo di cristiani omosessuali fiorentino, lanciò per la prima volta l’invito a “Vegliare per tutte le vittime dell’omofobia e della transfobia” e a pregare insieme per chi non si accetta, per chi è perseguitato dalle leggi del suo paese e per chi non riesce ad amarsi così come Dio lo ha creato, solo perché è una persona omosessuale o transessuale.Ecco perché ci ritroveremo giovedì 15 Maggio a Firenze, alle ore 21, nella parrocchia della Madonna della Tosse (Largo Adone Zoli, 1 – zona Parterre/P.zza della Libertà) per una veglia ecumenica “di speranza” a cui aderisconoù: Comunità parrocchiale della Madonna della Tosse, Parrocchia di Sant’Andrea in Percussina, Comunità di base delle Piagge, Chiesa Evangelica Valdese di Firenze, Chiesa Battista di Firenze, Chiesa Anglicana di rito vetero-cattolico di Firenze, Sezione degli Scout di Firenze CNGEI (Corpo Nazionale Giovani Esploratori Italiani), Associazione Fiumi d’Acqua Viva.

Veglieremo in comunione con le altre veglie, sparse per il mondo, ma unite dall’invito di S. Paolo: “Accoglietevi gli uni gli altri come Cristo ha accolto voi” (Rm 15,7). Sarà una veglia che racconterà storie dolorose, ma anche testimonianze di cambiamento, con cui lanceremo un grido contro ogni discriminazione nella nostra società e nelle nostre chiese.

Scrive Anna Maria che “In questi anni tante persone hanno partecipato alla veglia, omosessuali ed eterosessuali: personalmente conosco storie di miei amici che non avevano capito, non avevano colto il senso del mio impegno e delle mie parole fino alla partecipazione alla veglia. La preghiera apre il cuore, illumina la mente. Per questo è importante”.

Ricorda Filippo: “Che impressione la mia prima veglia per le vittime dell’omofobia. … E che terremoto di emozioni si rivelò. La nostra chiesa della Madonna della Tosse che pian piano si andava riempiendo di varia umanità; famiglie con bambini, i ragazzi del catechismo, gli scout del CNGEI. … Cattolici, protestanti, scout, etero, gay. Mi accorgo solo in quel momento che li proprio difronte ai miei occhi si stava realizzando uno straordinario momento di ecumenismo”.

“Anche se spero davvero” aggiunge Giulia “che un giorno non troppo lontano, l’omofobia non ci sia più e rimanga spazio all’accoglienza incondizionata dell’Altro,chiunque egli o ella sia”.

Un cammino che continua anche oltre la veglia di Firenze. Segnaliamoche  venerdì 16 maggio a PISTOIA, alle ore 21.15, nella Parrocchia cattolica di Santa Maria Maggiore a Vicofaro, in Via S. Maria Maggiore 71, si terrà una Veglia per ricordare le vittime dell’omofobia a cui parteciperà anche una delegazione del gruppo Kairos.

Contemporaneamente a LUCCA, venerdì 16 MAGGIO alle ore 21.00, avrà luogo la proiezione gratuita del toccante documentario “Invano mi odiano. Racconto sui cristiani LGBT in Russia” organizzata da Amnesty International nella Sala Mario Tobino del Palazzo Ducale, via Cortile Carrara, 1 a cui parteciperà la regista russa Yulia Matsiy e in cui porterà la sua testimonianza un membro del gruppo Kairos.

Domenica 18 maggio alle ore 10.30 nella Chiesa evangelica valdese di Firenze (Via Micheli, angolo Via Lamarmora) avrà luogo un culto domenicale per ricordare le vittime dell’omofobia e della transofobia organizzato, per il quarto anno di seguito, dall’Associazione cristiana “Fiumi d’acqua viva” di Firenze.

Infine sabato 31 maggio 2014 alle ore 17 il Gruppo Kairos organizza a FIRENZE, con altre realtà e associazioni, la proiezione gratuita del documentario “Invano mi odiano. Racconto sui cristiani LGBT in Russia”, nel Salone comunitario della chiesa Valdese in via Manzoni 26. Parteciperà all’iniziativa la regista russa Yulia Matsiy.

Vi aspettiamo … noi ci saremo e tu?

La Veglia di Firenze è anche su Facebook
.

INFO> Maggio 2014. Le città italiane e straniere dove si veglierà per le vittime dell’omofobia (Elenco in aggiornamento)

.
LE NOSTRE TESTIMONIANZE

In nome dell’amore. La mia veglia contro l’omofobia. Riflessioni di Anna Maria del gruppo Kairos
Con occhi nuovi. Cosa ho imparato vegliando per i martiri dell’omofobia. Testimonianza di Filippo di Kairos
La forza della speranza. Perchè a Firenze veglieremo insieme per le vittime dell’omofobia. Riflessioni di Giulia di Kairos