Dal 25 novembre al 1 dicembre 2011 al Florence Queer Festival il cinema che racconta le differenze

programma-cinema-20112

Con 48 titoli in programma, 21 anteprime nazionali e quattro focus speciali il cinema queer sbarca al cinema Odeon di Firenze, dal 25 novembre all’1 dicembre 2011 (ma con eventi che arrivano fino al 7 dicembre), per la nona edizione del Florence Queer Festival nell’ambito della "50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze".

Film, documentari, storie in movimento che vogliono essere "una ricca rappresentazione artistica della comunità gay, lesbica e transgender e un’occasione di stimolo e riflessione per combattere i pregiudizi, gli stereotipi e le discriminazioni", come ricordano Fabrizio Ungaro, presidente di Ireos, e Roberta Vannucci, entrambi direttori artistici del festival.

Sul grande schermo del Cinema Odeon di Firenze scorreranno i colori di Frida Kahlo e il suo incontro immaginario con la ballerina Anita Berber nella Berlino degli anni venti in “Frida e Anita” di Liz Rosenfeld; il racconto delle persecuzioni delle persone omosessuali durante la dittatura di Franco in “El muro rosa” di Enrique del Pozo e Julian Lara; la prima nazionale di “The Green” di Steven Williford, che annovera nel cast Julia Ormond, nei panni di un avvocato lesbica, alle prese con un caso di molestie e il film indipendente “Weekend” di Andrew Haigh, fresco del successo all’ultimo Festival del Cinema di Roma, sulla relazione tra un bagnino e un artista.

Ed ancora vi sarà una retrospettiva dedicata al cineasta tedesco, recentemente scomparso, Werner Schroeter (che include anche il documentario in anteprima nazionale “Mondo Lux” di Elfi Mikesch con le testimonianze di Isabelle Huppert e Wim Wenders), un focus sul cinema LGBTQ svedese contemporaneo e una selezione di cortometraggi provenienti dal Kashish 2011 Mumbai International Queer Festival.

Anche quest’anno il Festival dedica la giornata del 1 dicembre alla proiezione di film sul tema dell’Aids con cinque i titoli in programma.

Il successo internazionale, candidato all’Oscar 2011, "We Were Here" di David Weissman, un commosso tributo a una generazione di vittime ed eroi che lottò contro tutto e tutti.

"Let Yourself Go: The Lives of Jazz Pianist Fred Hersch" (anteprima nazionale) di Katja Duregger, documentario dedicato a Fred Hersch, uno dei più importanti pianisti e compositori jazz della sua generazione e uno dei primi musicisti dichiararsi pubblicamente come gay e come sieropositivo.
"Zai Yi Qi – Together" (anteprima nazionale) di Zhao Liang, un toccante docu-drama che fa luce sulla condizione di profonda emarginazione dei malati di Aids in Cina, girato "dietro le quinte" del film "Love for Life" di Gu Changwei.

"Un Año Sin Amor" (anteprima nazionale) di Anahí Berneri, la storia di giovane scrittore affetto da Aids che combatte giorno dopo giorno contro la sua malattia e riscopre l’attaccamento alla vita con il sesso sadomaso. "Life, Above All" di Oliver Schmitz, l’emozionante storia di una giovane ragazza che combatte la paura e il pregiudizio che avvelenano la sua comunità.

Come di consueto nell’ambito del Festival si terrà anche la selezione e premiazione dei migliori video del concorso Videoqueer dedicati ai cortometraggi a tematica gay, lesbica e transgender con una sezione speciale dedicata al tema dell’AIDS "SE HAI TESTA FAI IL TEST".

Ma il Florence Queer Festival è anche presentazione di libri, opere teatrali e concerti. Tanti eventi da non mancare, per leggere il programma completo basta cliccare su http://www.florencequeerfestival.it

Buio in sala, ora sul grande schermo va in scena il cinema queer

 

Florence Queer Festival /  25 novembre all’1 dicembre 2011

info@florencequeerfestival.it – www.florencequeerfestival.it