‘Ascoltate ciò che dice?’. A Kairos lectio biblica sulla ‘vedova importuna’ (Luca 18,1-8)

gesu_striche

«Capisci quello che stai leggendo?», «come potrei capire, se nessuno mi guida?» (At 8,30-31).

Molti di noi, talvolta, hanno fatto l’esperienza di restare disorientati quando hanno iuniziato a leggere la Sacra Scrittura.
Ecco perchè il cammino delle donne e degli uomini di Kairos, gruppo di cristiani omosessuali di Firenze, comincia proprio dalla riscoperta e dall’approfondimento delle ‘parole’ della Bibbia.

Lunedì 11 ottobre 2010 rifletteremo insieme su Luca 18,1-8, un testo che vede protagonisti due personaggi sempre eterni.

Da una parte troviamo un Giudice, privo di carità e rispetto, che non ha voglia di ascoltare, che si ritiene “superiore” solo perchè occupa una posizione importante nella società del suo tempo.

Dall’altra troviamo invece una vedova indifesa che chiede giustizia. Una vedova “molesta”, secondo il giudice, perchè è instancabilmente nel chiedere ‘giustizia’.

In mezzo ci siamo noi che leggiamo questo brano biblico. Ma noi oggi quale giustizia chiediamo a Dio?, “forse che si sporchi le mani al posto nostro? Cerchiamo forse un Dio che rimetta tutte le cose a posto?”.

Non a caso, questo passo del Vangelo di Luca, si chiude con una strana domanda: “Quando il Figlio dell’uomo verrà, troverà la fede sulla terra?”, o troverà degli uomini che avranno assoldato Dio per ottenere quello che loro stessi non sono capaci di fare o che non vogliono fare?

Ce lo chiederemo insieme, interrogandoci con l’aiuto di suor Fabrizia, lunedì 11 ottobre 2010, alle 21, nella biblioteca del convento delle suore domenicane di Firenze.

E tu che fai? Ti unisci a noi!

Advertisements