Sabato 24 aprile 2010 a Kairos cerchiamo la Parola nascosta nelle leggi del Levitico

angeli_e_demoni_thumb[2] Trarre un versetto biblico dal suo contesto non è mai un modo sensato di usare la Bibbia.

Questo vale in particolare per il Levitico, noto come il libro biblico dove si condanna l’omosessualità “senza ma e senza sé”, peccato che questo testo prescriva anche che “gli adulteri devono essere giustiziati, che il matrimonio interrazziale è peccaminoso, che non si devono indossare due tipi diversi di tessuti e che certi alimenti non devono essere mai mangiati”.

Oggi neanche il cristiano più fondamentalista proclamerebbe che tutta la legge levitica è parola infallibile di Dio, anche perché il Levitico è un commento della Legge divina strettamente legato al suo tempo, perciò usare questo testo per prendere decisioni etiche e morali oggi sarebbe ingenuo nel migliore dei casi, eresia nel peggiore.
Ma anche se le ignoriamo queste norme, queste parole, queste esortazioni, restano nella Bibbia e ci interpellano.

Ecco perché Sabato 24  aprile 2010 le donne e gli uomini di Kairos, il gruppo di cristiani omosessuali di Firenze, rileggeranno insieme queste parole per capire il senso che possono avere per noi oggi, per imparare a separare la Parola di Dio dalle norme ed dai pregiudizi culturali per separare il messaggio dall’involucro in ci si trova con l’aiuto del biblista Salvini.

Questa volta l’incontro del gruppo Kairos si terrà, alle 17.30, presso  il Centro comunitario Valdese di Firenze.
Al termine dell’incontro, alle 20.15 circa, consueta cena autogestita. Tutti portano qualcosa da sgranocchiare e lo condividono con gli altri.

E tu che fai? Ti unisci a noi!

Advertisements