Domenica 17 Maggio, il gruppo Kairos si presenta ad una comunità parrocchiale fiorentina

Testimonianza di Emanuele del gruppo Kairos.

La chiesa , per la messa delle ore 11, della parrocchia di S. Andrea in Percussina è strapiena di gente. Come sempre, mi dicono. Arrivando pochi minuti dopo l’inizio, mi fermo dunque con altri sulla soglia, sui gradini del piccolo portone esterno.

Non c’è più modo di entrare: ma come gli altri, posso sentire distintamente ed ascoltare le parole forti e incisive delle letture. Una piena benefica di idee sul significato dell’ amore: “Se farete quello che vi dico, sentirete sempre il mio AMORE”, “Osservate però questo mio comandamento: AMATE GLI ALTRI !”.

Difficile non rimanere impressionati da questi messaggi, impossibile, poi, dopo avere ascoltato le considerazioni appassionate del sacerdote che spinge a riflettere concretamente: “ma chi credete che siano questi ALTRI”?

Così si delineano le immagini reali di persone difficili da amare, primi fra tutti, oggi, i nostri fratelli provenienti da altri paesi solitamente tormentati da guerre, fame, gravi condizioni economiche e sanitarie, spesso anche politiche.

Anche verso gli omosessuali, sottolinea il prete, esistono gravi forme di etichettamento, isolamento, violenza. A questo proposito viene invitato a parlare un rappresentante del gruppo toscano Kairos, omosessuali credenti di Firenze.

Le sue parole di presentazione illustrano la natura del gruppo, luogo di incontro ed approfondimento di tematiche legate alla vita religiosa e all’omosessualita, e cercano inoltre di trasmettere una serena dimensione di ricerca del proprio percorso di vita e di fede; ricerca che ogni credente condivide con chiunque desideri sentirsi vicino al proprio Dio, prescindendo completamente dall’orientamento sessuale, in questo caso assolutamente ininfluente.

Nel suo intervento, il coordinatore del gruppo fiorentino, testimonia il tentativo di superare costruttivamente e serenamente le difficoltà, pur notevoli, di chi vive una dimensione di sfavorevole etichettamento.

Il clima, all’interno della chiesa, e della sua comunità di fedeli, è estremamente attento, interessato e tangibilmente cordiale. Non appare alcuna difficoltà, alcuna voglia di prendere le distanze da quanto sta succedendo.

Personalmente mi fa ricordare di essere amato da Dio.
.

> Una domenica ‘particolare’. Il 15 febbraio 2009 il gruppo Kairos si presenta alla comunità valdese di Firenze