‘Amate i vostri nemici’ (Mt 5,43). Il 14 febbraio lectio su Matteo 5,38-48

13235707

«Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli» (Mt 5,43)
Questo è il cuore del brano evangelico con cui le donne e gli uomini di Kairos, il gruppo di cristiani omosessuali di Firenze, continueranno il loro cammino di approfondimento biblico.

Gesù, nel brano di Matteo 5,38-48, non si avventura in complicate teorie teologiche o disquisizioni filosofiche ma, con un linguaggio a tutti comprensibile, ci ricorda che per lui l’amore deve essere offerto a tutti, senza distinguere tra santi e peccatori.

Un messaggio forte che mette in discussione anche il credente di oggi: «Non fermarti, ci dice Gesù, non bloccarti nel tuo realismo, nel tuo moralismo, non farti legare dai tuoi limiti» perché, come ci ricorda il biblista Alberto Maggi, “la perfezione del Padre, alla quale Gesù invita, consiste nell’essere come lui, disponibili a un amore che non escluda nessuno dal suo raggio d’azione.
È un amore che non si concede come un premio, ma come un regalo, che non è attratto dai meriti degli uomini, ma dalle loro necessità.
Un amore dal quale ogni persona può sentirsi accolta, perché, per Dio, “non si deve chiamare profano o impuro nessun uomo” (At 10,28)».

Lunedì 14 febbraio 2011, alle 21, nella biblioteca del convento delle suore domenicane di Firenze, con l’aiuto di don Enrico, rifletteremo insieme su queste impegnative parole tratte da Matteo 5,38-4

E tu dove sarai? Ti aspettiamo, ovunque tu sia.

.

Dal vangelo secondo Matteo 5,38-48

Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio edente per dente. Ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi, se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu pórgigli anche l’altra, e a chi vuole portarti in tribunale e toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello.
E se uno ti costringerà ad accompagnarlo per un miglio, tu con lui fanne due. Da’ a chi ti chiede, e a chi desidera da te un prestito non voltare le spalle.
Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? 4E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.

About these ads